Il dovere di non dimenticare

Al Giovanni da Udine il commovente Remo Girone interpreta Simon Wiesenthal

Non si può dimenticare, è un dovere morale, un impegno civile, un monito.
Così anche il teatro deve fare la sua parte e allora il Giovanni da Udine ha presentato Il cacciatore di nazisti, con Remo Girone sul palcoscenico a narrare in prima persona la storia di quel Wiesenthal che non fu mosso dalla vendetta,ma dall’urgenza della giustizia e dalla preoccupazione che possa ancora accadere.
In una scenografia che richiama gli archivi del cacciatore, si snodano come il filo sottile della memoria, le storie di tanti infelici, colpevoli del loro essere ebrei, perseguitati, torturati, distrutti anche oltre la morte
La narrazione di Girone entra nelle coscienze degli ascoltatori, il pubblico soffre con lui.
Questa la magica tensione del teatro: cinema e letteratura non restituiscono quello che ti dà il teatro, perché la rabbia, il dolore e la commozione individuali, diventano collettivi, corali, avvolgenti e maggiormente educativi.
Ben siano coinvolti i giovani e le scuole che troppo spesso sono disattente per la considerazione che… lo sapevamo già…
Mille volte sette ripetuto… non sarà sufficiente.
Vito Sutto

Hits: 8

Di Redazione 1

https://www.facebook.com/udineselife

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi