PORDENONESCRIVE 2024, I DOCENTI

PORDENONESCRIVE 2024, I DOCENTI
Michela Marzano

PORDENONE – Quattro settimane, a tu per tu con la scrittura creativa: 18 ore di lezioni frontali e laboratori coinvolgenti per testarsi in un corpo a corpo con la propria ispirazione letteraria e gli strumenti messi a disposizione da pordenonescrive, la Scuola di scrittura ideata e promossa da Fondazione Pordenonelegge, che torna con la sua 15^ edizione dal 13 febbraio al 12 marzo 2024. Appuntamento anche quest’anno su piattaforma digitale accessibile a tutti, da qualsiasi latitudine, in orario serale, dalle 18.30 alle 20.30, attraverso un corso che innesca stimolanti interazioni fra docenti e corsisti, mettendo a fuoco gli elaborati dei partecipanti che verranno letti e analizzati durante le lezioni dai docenti, con la collaborazione di tutta l’aula. Come un romanzo” sarà filo rosso di pordenonescrive 2024, che potrà contare su una squadra di docenti come sempre prestigiosa: tre autori molto amati da lettrici e lettori – Michela Marzano, Paolo Di Paolo e Alessandra Sarchi – affiancheranno infatti gli scrittori Alberto Garlini, curatore della scuola e di pordenonelegge, e Gian Mario Villalta, direttore artistico di pordenonelegge. «Si parte in modo estremamente operativo, con cinque lezioni frontali per approfondire le questioni che lo scrittore deve affrontare nella creazione di un romanzo – spiega il curatore Alberto Garlini – A distanza di una settimana seguiranno quattro laboratori sugli stessi temi, stimolati da un esercizio assegnato durante la lezione frontale. Attraverso questo percorso formativo i partecipanti potranno capire come si imposta un romanzo, nei suoi movimenti principali, e avviare una riflessione sulla propria “voce narrativa”. 

Ogni docente offrirà un personale contributo alla Scuola di Scrittura: se Michela Marzano, partendo dalle sue opere, toccherà uno dei punti nevralgici di qualunque scrittura romanzesca, ovvero quanto possa entrare, e come, l’esperienza personale dell’autore in un testo letterario, Alessandra Sarchi testimonierà come le arti figurative possano ispirare e arricchire una pagina scritta, o anche offrire lo spunto per una atmosfera narrativa o un racconto. Paolo di Paolo ci racconterà come il romanzo naturalmente tenda, nella sua sovrana libertà, a esplorare i propri limiti, portando sempre un po’ più avanti le sue possibilità e sperimentando, sotto l’urto dei cambiamenti sociali ed economici, ciò che prima sembrava impossibile. Alberto Garlini si occuperà di un modo di intendere la letteratura che sta avendo uno straordinario successo negli ultimi anni: l’autofiction testata con successo da Carrere, Cercas, e da Auster a Trevi. Ovvero come, in una narrazione romanzesca per sua natura fiction, si possa inserire la voce e la biografia dell’autore, dando l’impressione di scrivere una “storia vera”. E Gian Mario Villalta, attento osservatore dei cambiamenti sia linguistici che sociali dal boom economico fino al presente tecnologico, entrerà nel vivo di come il romanzo possa raccontare turbamenti, paure e idiosincrasie che sostengono o sopraffanno la vita umana quando tenta di raccapezzarsi con le fratture di senso che il tempo continuamente le impone. E come questo processo, connaturato all’idea stessa di romanzo, possa aiutare chi scrive a trovare una propria voce e a vivere fino in fondo l’avventura della scrittura. 

PORDENONESCRIVE 2024IL PROGRAMMA

Martedì 13 febbraio dalle 18.30 alle 20.30

L’autofiction. Perdersi e ritrovarsi nel racconto di sé

Lezione di Alberto Garlini

Giovedì 15 febbraio dalle 18.30 alle 20.30

Arte e letteratura. Come l’arte aiuta a creare un racconto

Lezione di Alessandra Sarchi

Martedì 20 febbraio dalle 18.30 alle 20.30

L’autofiction. Perdersi e ritrovarsi nel racconto di sé

Laboratorio con Alberto Garlini

Giovedì 22 febbraio dalle 18.30 alle 20.30

Arte e letteratura. Come l’arte aiuta a creare un racconto

Laboratorio con Alessandra Sarchi

Martedì 27 febbraio dalle 18.30 alle 20.30

Il romanzo impuro. Come la letteratura sfida i suoi limiti

Lezione di Paolo Di Paolo

Giovedì 29 febbraio dalle 18.30 alle 20.30

Dentro le fibre della società. Come i cambiamenti sociali stimolano nuove possibilità narrative

Lezione di Gian Mario Villalta

Martedì 5 marzo dalle 18.30 alle 20.30

Il romanzo impuro. Come la letteratura sfida i suoi limiti

Laboratorio di Paolo Di Paolo

Giovedì 7 marzo dalle 18.30 alle 20.30

Dentro le fibre della società. Come i cambiamenti sociali stimolano nuove possibilità narrative

Laboratorio con Gian Mario Villalta

Martedì 12 marzo dalle 18.30 alle 20.30

Biografia e romanzo. Come l’esperienza personale alimenta la scrittura

Lezione di Michela Marzano

PORDENONESCRIVE 2024I DOCENTI 

Paolo Di Paolo, nato a Roma nel 1983 è autore dei romanzi Dove eravate tutti (2011, premio Mondello e premio Vittorini), Mandami tanta vita (2013, finalista premio Strega), Una storia quasi solo d’amore (2016, finalista premio dei Lettori) e Lontano dagli occhi (2019, premio Viareggio-Répaci), e Romanzo senza umani (2023) tutti editi da Feltrinelli e tradotti in diverse lingue europee. Alcuni suoi libri sono nati da dialoghi, con interlocutori come Dacia Maraini, Antonio Debenedetti, Raffaele La Capria, Antonio Tabucchi, Claudio Magris e Nanni Moretti. Ha pubblicato diversi saggi, fra cui Vite che sono la tua (2017) e Svegliarsi negli anni Venti (2020), testi teatrali, storie per bambini e ragazzi, come La mucca volante (2014, finalista premio Strega Ragazze e Ragazzi). Scrive su “la Repubblica”, “L’Espresso” e “Vanity Fair”. Conduce su Rai Radio 3 la trasmissione “La lingua batte”.

Alberto Garlini è nato a Parma nel 1969, abita da molti anni a Pordenone. Ha pubblicato i romanzi Una timida santità (Sironi Editore 2002, Premio Vigevano), Fùtbol Bailado (Sironi 2004, Christian Bourgois Editeur 2008), Tutto il mondo ha voglia di ballare (Mondadori 2007, Gallimard 2018, Polis 2021), Venise est une fête (Christian Bourgois Editeur 2010), La legge dell’odio (Einaudi 2012, Gallimard 2014), Piani di vita (Marsilio 2015), Il fratello unico (Mondadori 2017), Il canto dell’ippopotamo(Mondadori 2019), Il fico di Betania (Aboca 2019) e Il sole senza ombra (Mondadori 2021).

Michela Marzano è nata a Roma nel 1970. Professore ordinario di Filosofia morale all’Università Paris Descartes, ha indagato temi nodali della modernità quali le logiche relazionali sottese ai rapporti affettivi, la questione di genere e l’uso sociale del corpo nel mondo contemporaneo. È editorialista de «la Repubblica» e «La Stampa» e autrice di numerosi libri tradotti in molte lingue, tra i quali ricordiamo il testo autobiografico Volevo essere una farfalla (Mondadori 2011), in cui descrive la sua lotta contro l’anoressia, e i romanzi L’amore che mi resta (Einaudi 2017), Idda (Einaudi 2019) Stirpe e vergogna (Rizzoli 2021), premiato con il SuperMondello, e Sto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa (2023).

Alessandra Sarchi è nata a Reggio Emilia nel 1971, vive da molti anni a Bologna. Nel 2008 ha pubblicato la raccolta di racconti Segni sottili e clandestini (Diabasis editore). Nel 2012 è uscito con Einaudi Stile Libero il suo primo romanzo Violazione, vincitore del premio Paolo Volponi, opera prima. Con L’amore normale, (Einaudi 2014) ha vinto il premio internazionale Scrivere per Amore. Con La notte ha la mia voce (Einaudi, Stile libero 2017) ha vinto il premio Mondello opera italiana, la selezione della giuria del Premio Campiello e l’edizione 2018 del premio Wondy. Nel 2019 è uscito per Bompiani il saggio La felicità delle immagini il peso delle parole. Cinque esercizi di lettura di Moravia, Volponi, Pasolini, Calvino, Celati. Nel 2020 sempre con Einaudi Stile Libero è uscito il romanzo Il dono di Antonia. Con Minimum Fax nel 2022, la raccolta di racconti, Via da qui. È autrice del podcast Vive! interpretato insieme a Federica Fracassi, diventato ora un libro, Vive! storie di eroine che si ribellano al loro tragico destino, e pubblicato da Harper Collins. Collabora con la Lettura e Sette del «Corriere della Sera».

Gian Mario Villalta è nato a Visinale di Pordenone nel 1959. Ha scritto in poesia: Vedere al buio (Sossella 2007), Vanità della mente (Specchio Mondadori 2011) con cui ha vinto il Premio Viareggio 2011, Telepatia (Lietocolle 2016), Il scappamorte (Amos 2019) e Dove sono gli anni (Garzanti 2022). Di critica, ha scritto Il respiro e lo sguardo. Un racconto della poesia italiana contemporanea (Rizzoli 2005), ha curato l’Oscar Mondadori degli Scritti sulla Letteratura (2001) di Andrea Zanzotto e, con Stefano Dal Bianco, la pubblicazione del Meridiano Mondadori dedicato a Zanzotto. Ha pubblicato i romanzi Tuo figlio (Mondadori 2004), Vita della mia vita (Mondadori 2006, Gallimard 2008), Alla fine di un’infanzia felice (Mondadori 2013), Satyricon 2.0 (Mondadori 2014), Scuola di felicità (Mondadori 2016), Bestia da latte (SEM 2018), L’olmo grande (Aboca 2019), L’apprendista (SEM 2021) e Parlare al buio (SEM 2022)

Michela Marzano
apvc-icontalk: 0
https://www.facebook.com/udineselife

Comments

No comments yet. Why don’t you start the discussion?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *