La celebrazione inversa del capitalismo,le sue proiezione assurde,le prostituzioni e l’emarginazione collettiva e individuale,l’involuzione solipsistica che sacrifica tutto sul trono del guadagno e il rigorismo puntiglioso nel tentativo di raggiungerlo.
Tutto questo nella frammentaria irresoluta e volutamente spezzata,vicenda di tre giovani, Camilla Scheller, Giacomo Tamburini e Pierre Campagnoli .
Buono ,cattivo,vivo, morto,confuso e chiaro|tutto ben complesso e illeggibile nella civiltà dell’apparire e del possedere.
Modello la televisione,il bello e il ricco sono la misura di tutte le cose.
La denuncia ironica di Collettivo Baladam B-Side fa sorridere e piangere,la triste allegria prende connotati postcristiani e annuncia senza volerlo fare una grande notizia: Tuo il regno
Il regno è di Dio non del Capitalismo.
Ma forse gli attori sul palcoscenico volevano dire altro
Vito Sutto

Hits: 32

Di Redazione 1

https://www.facebook.com/udineselife

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi