Udine – L’antica chiesa di San Francesco conosciuta anche per il ruolo importante con Beato Odorico nato vicino a Pordenone ma vissuto a Udine e in Cina ha visto il restauro dei preziosi affreschi trecenteschi, probabilmente della scuola di Giotto.

Nel transetto raffiguranti l’Annunciazione, la Madonna in trono, San Cristoforo e Cristo in trono. Il costo dell’opera, ha il valore di 44mila euro, è stata finanziata dal Comune di Udine.

Giotto
Affreschi trecenteschi
Affreschi trecenteschi
Affreschi trecenteschi

Presenti il Sindaco Pietro Fontanini, l’Assessore alla cultura Fabrizio Cigolot, la Dottoressa Annamaria Nicastro della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio del Friuli Venezia Giulia, il Professor Cesare Scalon, Presidente dell’Istituto Pio Paschini per la Storia della Chiesa del Friuli, l’Architetto Valentino Fontanini, Direttore dei lavori, e la Restauratrice Claudia Regazzoni., con le sue collaboratrici.

Di “vero e proprio gioiello” ha parlato il Sindaco nel suo intervento ricordando “le molte trasformazioni subite dalla Chiesa nel corso dei secoli” e individuando “nei lavori che andiamo oggi a presentare, il punto d’arrivo di un percorso in cui questo edificio ha sempre saputo rappresentare uno dei simboli della nostra città. Per questo è importante che, assieme a luoghi fortemente attrattivi come il Duomo e il Palazzo Patriarcale, anche la Chiesa di San Francesco diventi una meta non solo per i turisti ma anche per gli esperti d’arte e, perché no, per gli stessi udinesi. L’impegno di questa Amministrazione è ora quello di migliorare l’illuminazione dell’ambiente attraverso un nuovo sistema di fari e valorizzando al tempo stesso la luce naturale, e di rendere questo spazio sempre più un luogo di cultura, arte e musica”.

L’Assessore ha sottolineato come questo intervento rappresenti l’Amministrazione “un impegno mantenuto nei confronti dei cittadini”, in quanto Amministrazione che “ha sempre puntato sulla tutela delle tante infrastrutture di pregio dal punto di vista artistico, storico e architettonico della città e della loro valorizzazione come patrimonio identitario e come risorsa per l’attrattività turistica”.

“Grazie al sostegno del progetto ‘Look Up’, finanziato dal programma Interreg Italia-Austria – ha poi ricordato – in precedenza è stata realizzata una parte dell’illuminazione esterna della Chiesa e l’app, in tre lingue, che illustra le vicende e i tesori dello storico edificio”.

Hits: 9

Di Redazione 1

https://www.facebook.com/udineselife

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi