Trasformista non si nasce ma si diventa

Brachetti il superveloce con Azalea in castello

Cambiarsi gli abiti in pochi secondi e vantarsene.

Ecco il tasformista presentarsi al pubblico dell”estate udinese,in castello e sfoderare tutta la sua energica vitalita’.
Lo spettacolo , applauditissimo dal pubblico, che attendeva l”artista da molto a Udine, e’ stato anche una metafora dei cambiamenti sociali,dei costumi,della politica,che muta e ti deve vedere cambiato, o letteralmente o almeno facendo finta.
Cambio ergo sum.
Magari non era proprio cosi…
Ma passa
Vito Sutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *