EMERGENZA CORONAVIRUS: INCONTRO FONTANINI-TONDO, RIENTRO DOPO EPIDEMIA SOLO A CITTADINI STRANIERI IN POSSESSO DI CONTRATTO DI LAVORO

Questa mattina il Sindaco di Udine Pietro Fontanini ha ricevuto a Palazzo D’Aronco l’Onorevole Renzo Tondo. Durante il colloquio è stato affrontato il tema relativo alla razionalizzazione del rientro dei cittadini stranieri che lavorano nella nostra Regione e oggi rientrati nei loro Paesi di residenza a causa dell’epidemia del coronavirus.

“È di fondamentale importanza, in questa fase di emergenza e in quello che sarà il lento processo di ritorno alla normalità, che il Governo si faccia carico di una radicale azione di razionalizzazione dei rientri dei cittadini stranieri che oggi sono tornati nel loro Paese, limitando la possibilità a coloro che sono in possesso di un contratto di lavoro”. È quando ha dichiarato a margine dell’incontro il Sindaco Fontanini. “Considerando l’immenso lavoro che ci sarà da fare – ha aggiunto – e la situazione di difficoltà che molte famiglie friulane purtroppo vivranno, non possiamo più permetterci di ospitare gente inattiva, o magari dedita ad attività criminali, alla quale assegnare contributi destinati alle categorie maggiormente colpite dalla crisi. Questo vale soprattutto per una realtà come quella del Friuli Venezia Giulia, che rappresenta la porta d’accesso al nostro Paese per chi arriva da est. La presenza a Roma dell’On. Tondo, che voglio ringraziare per il suo impegno come parlamentare, rappresenta in questa partita un elemento di forza per il nostro territorio. Domani, quando dovremmo rialzarci, tutte le energie e risorse dovranno essere rivolte alla nostra gente”.

“Noi friulani – ha aggiunto Tondo – da sempre siamo stati in grado di trasformare i momenti difficili in opportunità, e questo deve avvenire anche oggi di fronte a questa epidemia. Ed è per questo che io e il Sindaco Fontanini, che come me è stato Presidente di Regione, abbiamo deciso di far sentire la nostra voce al Ministro degli Esteri Di Maio per quanto riguarda la definizione dei filtri da porre ai rientri e al Ministro dell’Interno Lamorgese per l’azione di controllo dell’identità di chi rientra e il presidio del territorio. Ripensare Schengen nella direzione di un rallentamento della fluidità degli spostamenti è oggi una necessità che altri Paesi hanno già messo in atto e che il Governo non può ignorare”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *