Ricollocate le nove pietre di inciampo in memoria degli agenti della Polizia che morirono nei campi di sterminio nazisti

 

Udine– Ricollocate  in via Treppo le nove pietre d’inciampo in memoria degli agenti della Polizia che morirono nei campi di sterminio nazisti.

Conclusi i lavori di riqualificazione e messa in sicurezza del marciapiede, sono state riposizionate le pietre posate lo scorso 22 aprile nel tratto antestante il Conservatorio Jacopo Tomadini, dove si trovava la sede della Questura.

Nel 1944 la Questura di Udine fu interessata da rastrellamenti da parte delle SS naziste, che portarono all’arresto di una quarantina di funzionari, guardie di pubblica sicurezza e personale civile: dieci furono deportati nei campi di sterminio e nove di essi non fecero più ritorno a casa.

Il progetto Stolpersteine, in Italia chiamate pietre d’inciampo, nasce nel 1995 dalla volontà dell’artista tedesco Gunter Demnig che vuole ricordare le vittime del nazismo, indipendentemente da etnia e religione.

La memoria consiste in una piccola targa d’ottone della dimensione di un sampietrino, 10 per 10 centimetri, posta davanti alla porta della casa in cui abitò la vittima o nel luogo in cui fu fatta prigioniera, sulla quale sono incisi il nome della persona, l’anno di nascita, la data, l’eventuale luogo di deportazione e la data di morte, se conosciuta.

Hits: 1

Di Redazione 1

https://www.facebook.com/udineselife

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi