Con FlixBus Udine si offre come soluzione di viaggio per raggiungere il territorio durante la stagione turistica

Con FlixBus Udine si offre come soluzione di viaggio per raggiungere il territorio durante la stagione turistica

Milano, 4 luglio 2024 – Con l’estate, FlixBus torna a offrirsi come soluzione di viaggio per raggiungere Udine potenziando i collegamenti attivi con la città. In questo modo, la società intende contribuire alla promozione del territorio supportando un approccio al viaggio più rispettoso dell’ambiente, basato sull’utilizzo di mezzi di trasporto collettivi e indipendente dall’auto privata.

Per tutta l’estate, Udine sarà collegata con oltre 30 città in Italia e all’estero dall’autostazione di Viale Europa Unita. Un terzo di queste si trova all’estero.

Complice la posizione strategica, Udine si conferma infatti una meta ideale per chi arriva da oltreconfine: oltre che da Lubiana e Marburgo, collegate fino a 14 volte alla settimana, la città si raggiunge con la stessa frequenza anche da Budapest. Fra le altre città collegate senza cambi con Udine, vi sono anche Villaco e Klagenfurt, che permetteranno di spostarsi fra la Carinzia e il Friuli fino a tre volte al giorno.

Si potrà arrivare a Udine con facilità anche da molti dei principali centri italiani: ad esempio, partiranno fino a 35 corse alla settimana da Venezia, fino a 14 da Verona, Milano e Firenze e fino a 21 da Bologna e Roma. Arriveranno a Udine fino a 14 corse settimanali anche dagli scali di Venezia Marco Polo e Orio al Serio, con la possibilità, per chi atterra in Italia, di proseguire il proprio viaggio verso il territorio.

Viceversa, chi partirà per le vacanze da Trieste potrà sfruttare i collegamenti attivi con le destinazioni costiere di Capodistria, Portorose, Parenzo, Rovigno e Pola, collegate cinque volte alla settimana.

Chi preferisce il lago potrà invece prenotare un FlixBus per Peschiera del Garda, raggiungibile con fino a sette corse settimanali, o Klagenfurt, sul lago di Wörthersee.

Completano il quadro i nuovi collegamenti istituiti fra Udine e il parco divertimenti di Gardaland, sempre collegato fino a sette volte a settimana.

Sia sulle rotte internazionali che su molte rotte domestiche opereranno tratte notturne che consentiranno a chi viaggia di ottimizzare i tempi. L’incremento dei collegamenti con Udine, cuore del Friuli, si sposa con la volontà di supportare la deconcentrazione dei flussi turistici promuovendo le aree interne, che il dibattito pubblico ha riconosciuto come possibili hub di sviluppo per stili di vita più sostenibili[1].

«Crediamo che un’offerta di mobilità collettiva efficiente e capillare possa coniugare al meglio l’esigenza di sostenibilità con quella di economicità, oltre a contribuire a creare opportunità per lo sviluppo turistico del territorio», ha affermato Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia. «Anche per questa estate, oltre ad aumentare la frequenza dei collegamenti sulle rotte nazionali più note e battute, abbiamo voluto valorizzare località meno conosciute del nostro bellissimo Paese. La varietà del nostro patrimonio è una ricchezza inestimabile, e riteniamo fondamentale facilitare l’accesso anche a centri meno frequentati. In questo modo possiamo contribuire a mettere in luce le particolarità del territorio incentivando forme di viaggio rispettose dell’ambiente, con la possibilità di generare un indotto per le economie locali e incoraggiare un approccio alla scoperta dei luoghi di cui possano beneficiare anche le comunità di destinazione», ha aggiunto Incondi.

Sono circa 300 le città italiane raggiungibili a bordo degli autobus verdi. Di queste, circa il 40% sono comuni con meno di 20.000 abitanti: garantendo collegamenti anche con diversi centri minori, FlixBus intende facilitare gli spostamenti delle persone anche verso località meno facilmente raggiungibili dalle altre regioni.

I biglietti sono acquistabili sul sito, tramite l’app FlixBus gratuita e nei rivenditori fisici sul territorio nazionale.

Come conciliare sostenibilità e economicità? L’autobus come possibile soluzione

Se si considerano i fattori di emissione in Europa, un’auto personale produce in media 166 grammi di CO2 per passeggero per km, mentre un autobus FlixBus si contraddistingue per un fattore di emissione medio di soli 27,8 grammi di COper passeggero per km, più di 5 volte inferiore.[2]

Preferendo l’autobus all’auto, chi viaggia potrà così ridurre il proprio impatto a fronte di una spesa contenuta. I benefici di questo approccio alla scelta del mezzo, che coniuga le esigenze di sostenibilità e di economicità, si vedono soprattutto sul lungo periodo: nel 2023, chi ha preferito FlixBus e FlixTrain ad altre soluzioni negli oltre 40 Paesi dove opera la società, ha permesso di risparmiare oltre 1 milione di tonnellate di CO2, di cui ben 152.000 solo in Italia.

+++ Sono attivi collegamenti anche di notte con grandi, medi e piccoli centri italiani ed esteri. L’autobus si conferma un’alternativa al mezzo privato comoda, sicura e capillare per raggiungere la città. 

+++ FlixBus attiva nuove corse per l’estero: chi questa estate punta al mare potrà raggiungere senza cambi da Udine ancora più località balneari in Slovenia e in Croazia.

+++ Alla luce dei nuovi stili di viaggio, orientati verso comportamenti più responsabili, l’autobus si offre come possibile soluzione in grado di coniugare le esigenze di economicità con quelle di sostenibilità. In Europa un’auto privata produce in media 166 g di CO2 per passeggero-km, contro i 27,8 di un FlixBus.

+++ Sono attivi collegamenti anche di notte con grandi, medi e piccoli centri italiani ed esteri. L’autobus si conferma un’alternativa al mezzo privato comoda, sicura e capillare per raggiungere la città. 

+++ FlixBus attiva nuove corse per l’estero: chi questa estate punta al mare potrà raggiungere senza cambi da Udine ancora più località balneari in Slovenia e in Croazia.

+++ Alla luce dei nuovi stili di viaggio, orientati verso comportamenti più responsabili, l’autobus si offre come possibile soluzione in grado di coniugare le esigenze di economicità con quelle di sostenibilità. In Europa un’auto privata produce in media 166 g di CO2 per passeggero-km, contro i 27,8 di un FlixBus.


apvc-icontalk: 0
https://www.facebook.com/udineselife

Comments

No comments yet. Why don’t you start the discussion?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *