Udine contro il razzismo, il Sindaco Alberto Felice De Toni manda un messaggio personale a Mike MaignanUdine contro il razzismo, il Sindaco Alberto Felice De Toni manda un messaggio personale a Mike Maignan


Il Sindaco della città di Udine ha contattato immediatamente la società Milan e ha invitato il portiere francese in città, per delle iniziative anti discriminazione dedicate alle scuole e ai ragazzi. L’idea è di conferirgli in quell’occasione anche la cittadinanza onoraria del capoluogo friulano 

Udine, 21 gennaio 2024 – “La nostra è una città di tutti: Udine non è razzista e ha una lunga storia di accoglienza. Per questo ho invitato personalmente Maignan a Udine per realizzare insieme delle iniziative concrete dedicate ai più giovani, con il supporto di Fondazione Milan. Proporrò al consiglio comunale di conferirgli in quell’occasione anche la cittadinanza onoraria”.

Maignan chiama, Udine risponde. Il Sindaco di Udine Alberto Felice De Toni ha seguito in prima persona i fatti verificatisi al Friuli e ha voluto subito raccogliere il messaggio di protesta del portiere milanista Mike Maignan, oggetto di offese a sfondo razzista durante la partita di ieri sera tra Udinese e Milan. Nella mattinata di domenica ha contattato la società Milan e ha inviato un messaggio personale al giocatore, per testimoniargli non solo la solidarietà sua e di tutta l’amministrazione, ma anche l’abbraccio simbolico di Udine e dei friulani. 

“Udine non è una città razzista” ha spiegato il Sindaco, “sono rimasto profondamente ferito per quello che è accaduto ieri e proprio per questo voglio esprimere la solidarietà di Udine, dei friulani e dei tifosi dell’Udinese che non si sentono rappresentati da quello che è accaduto ieri”. “I nostri valori non possono essere umiliati da poche persone accecate dal razzismo” ha continuato De Toni. “Perciò quello che è accaduto ieri sera dev’essere un punto di svolta per la lotta a qualsiasi tipo di discriminazione. Udine ha una lunga storia di accoglienza, solidarietà, rispetto reciproco, che non può venire messa in dubbio da un singolo gesto folle. Voglio che Maignan torni a Udine per portare con la sua esperienza personale un messaggio fortissimo alle nuove generazioni: il futuro delle nostre comunità passa per l’inclusione, il rispetto, la condivisione e di conseguenza per relazioni sociali proficue. A Udine il 14% dei residenti è di origine straniera. Da sempre il nostro territorio di frontiera è crocevia di popoli e culture. Non c’è spazio per alcuna discriminazione. Per questo proporrò al prossimo consiglio comunale che in quell’occasione Maignan diventi cittadino onorario della città”.

Continua il Sindaco “Il mondo del calcio, animato da tifoserie e rivalità, è in prima linea per la lotta al razzismo. Noi siamo a fianco di ogni movimento sportivo per affermare che non ci sono differenze, né in campo né fuori. Il pubblico friulano si è sempre distinto per correttezza e anche per questo lo stadio ha ospitato un cospicuo numero di partite internazionali. La stessa società Udinese Calcio si è sempre dimostrata multiculturale e inclusiva. Il Friuli è un simbolo di solidarietà e attenzione al prossimo. Tutti insieme lo dimostreremo ancora una volta”.

Di Redazione 1

https://www.facebook.com/udineselife

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *