Gaia De Laurentiis e Max Pisu in scena con Come sei bella stasera

Gaia De Laurentiis e Max Pisu in scena con Come sei bella stasera

Ventinove anni di vita coniugale in novanta minuti. Questo, in sintesi, è Come sei bella stasera, il debutto nella prosa di Antonio De Santis – sceneggiatore e pubblicitario, storico autore di Ale&Franz – che ha messo la sua penna al servizio di Gaia De Laurentiis e Max Pisu. La commedia andrà in scena per cinque serate nel Circuito ERT. Il debutto è previsto domenica 3 dicembre all’Auditorium Comunale di Lestizza dove lo spettacolo ha già fatto segnare il tutto esaurito in prevendita; Come sei bella stasera, diretto da Marco Rampoldi, si sposterà poi al Candoni di Tolmezzo martedì 5 dicembre, al Pasolini di Casarsa mercoledì 6 dicembre, a TeatrOrsaria di Premariacco giovedì 7 dicembre per concludere la permanenza nel Circuito venerdì 8 dicembre all’Auditorium Alla Fratta di San Daniele. Tutte e cinque le repliche inizieranno alle 20.45. 

Come sei bella stasera segue la storia di Anna e Paolo in dieci quadri che danno allo spettacolo un taglio molto cinematografico. Da pochi mesi dopo le nozze fino al ventinovesimo anniversario di matrimonio, le dinamiche della vita di coppia e familiare vengono presentante in modo esilarante ma verissimo: le immancabili gelosie, i figli, prima tanto desiderati e cercati, che costringono poi a notti insonni (da piccoli perché non riescono a dormire e da grandi perché non vogliono dormire ma andare a feste), i metri quadrati dell’appartamento che risultano sempre più stretti, la forsennata ricerca di un’intimità minata da nonni-baby sitter. 

A dar corpo ai personaggi ci sono due interpreti molto amati dal pubblico regionale che li ha applauditi anche nelle ultime stagioni: Gaia De Laurentiis – splendida protagonista, assieme a Ugo Dighero, di Alle 5 da me di Pierre Chesnot – e Max Pisu che con Nino Formicola ha portato sui palchi del Circuito La cena dei cretini di Francis Veber. 

apvc-icontalk: 0
https://www.facebook.com/udineselife

Comments

No comments yet. Why don’t you start the discussion?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *