Da settembre a giugno, la storica dimora di Bottenicco di Moimacco (UD) offre alle classi di studenti e studentesse di ogni ordine e grado un programma di attività specifiche per conoscere da vicino la storia del territorio ma anche le pratiche di sostenibilità ambientale promosse dal comprensorio situato alle porte di Cividale 

Bottenicco di Moimacco (UD), gennaio 2023 – Una nobile dimora veneta seicentesca, un parco impreziosito da piante secolari e 150 ettari di terreno coltivati secondo i princìpi dell’agricoltura biologica: c’è tutto quel che serve per trasformare una semplice visita a Villa de Claricini Dornpacher in un’esperienza formativa ricca di spunti e suggestioni. 

Da alcuni anni la storica dimora situata nel pittoresco borgo di Bottenicco di Moimacco, a pochi chilometri da Cividale, apre le porte ai visitatori per far conoscere i propri tesori; è però di recentissima introduzione un programma di visite e laboratori didattici affidati ad esperti e riservati alle scolaresche di ogni ordine e grado.

Villa de Claricini Dornpacher è la prima dimora storica della regione, tutelata dallo Stato e aperta continuativamente al pubblico, ad aver avviato questo tipo di attività rivolte alle scuole.  Il programma, realizzato con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia e articolato in distinti percorsi, intende dare agli studenti e alle studentesse la possibilità di avvicinarsi in modo nuovo e coinvolgente alla storia, alla cultura, all’arte ma anche alla produttività e all’economia del Friuli orientale. 

Possono essere così approfonditi la storia della dimora – uno degli esempi meglio conservati di villa veneta del Friuli orientale – e della nobile famiglia de Claricini, insediatasi a Cividale sul finire del tredicesimo secolo e arrivata ad estendere i propri interessi economici fin oltre l’attuale provincia di Gorizia. Attenzione particolare è riservata anche ai giardini all’Italiana e all’Inglese che sono fra le attrazioni principali della dimora. 

L’offerta didattica comprende visite interattive alla Villa Claricini e all’azienda agricola – dalla fine del 1600 il comprensorio produce gli stessi prodotti: vini, cereali e legumi – che opera su filiera biologica e punta sulla sostenibilità. È possibile inoltre per gli studenti partecipare a laboratori tematici di tecniche agricole, botanica, biologia, artigianato e lavorazione di materie naturali quali paglia, lana e legno, e vivere esperienze di mietitura e vendemmia. 

Inoltre, per valorizzare il tradizionale legame della famiglia de Claricini Dornpacher con la comunità di Cividale del Friuli, la proposta didattica comprende anche la possibilità di visitare il Museo Archeologico Nazionale della città ducale per approfondire la conoscenza della civiltà longobarda.

apvc-icontalk: 0

Di Redazione 1

https://www.facebook.com/udineselife

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *