Santa Caterina rinnova l’appuntamento con la tradizione e la festa udinese si colora ancora di luci e suoni, di profumi di buone cose da gustare a casa o in giardin grande mentre guardi le bancarelle.
Molte sono addobbate per il Natale e offrono un panorama oggettistico variegato.
I prezzi? Qualcuno un po’ alto, ma in generale accessibili a tutte le tasche.
E chi non compra comunque si gode la festa cittadina.
Così accade dal Medio Evo, Santa Caterina da Alessandria è un’idea mercantile del Patriarcato e rinnova la tradizione nella piazza sua per eccellenza da sempre, purtroppo bloccata dalla pandemia, in questi giorni ce la fa scordare definitivamente
Vs

Hits: 11

Di Redazione 1

https://www.facebook.com/udineselife

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi