img2

IL COMUNE DI LIGNANO CONTINUA LA LOTTA ALLA PROCESSIONARIA.

img img1 img2

Con l’arrivo dell’inverno si ripresenta il problema della processionaria del pino. Le larve di questo insetto sono provviste di peli urticanti che possono facilmente diffondersi nell’ambiente circostante. Se queste entrano in contatto con gran parte degli animali, compreso l’uomo, intaccano le mucose e le vie respiratorie con possibili pesanti conseguenze sulla salute. La presenza di questi nidi è altamente distruttiva anche per le stesse piante, in quanto le priva di una gran parte del loro fogliame, e può comprometterne il ciclo vitale.

Per far fronte a questa ciclica criticità, la normativa nazionale prevede che la lotta a questo insetto sia obbligatoria nelle aree ritenute a rischio infestazione (cfr. D.M. 30.10.2007, pubblicato in G.U. 16 febbraio 2008, n. 40.).

Questo pericoloso lepidottero può essere combattuto utilizzando diversi metodi:

si può ricorrere a trattamenti insetticidi eseguiti direttamente sulle larve all’aperto; il nido, infatti, neutralizza l’efficacia del trattamento. Per l’eliminazione delle larve morte, occorre comunque utilizzare la massima cautela.

In alternativa, si può bruciare i nidi. I residui carbonizzati risultano ugualmente urticanti, perciò è da evitare il rimanere sottovento o nelle vicinanze del falò, soprattutto con parti del corpo scoperte (compresi viso e occhi).

Un altro metodo consiste nella lotta meccanica, vale a dire mediante l’applicazione di strisce invischiate sul fusto delle piante infestate che limitano la mobilità delle larve. In più, a fine estate si può intervenire con trattamenti anti-larvali a base di prodotti bioinsetticidi di limitato impatto ambientale.

L’Assessore all’Ambiente della Città di Lignano Sabbiadoro, Paolo Ciubej ha dichiarato: “Quest’anno la nostra Amministrazione ha provveduto a eseguire un massiccio trattamento di endoterapia con il quale sono state trattate ben 1200 piante. L’endoterapia è una forma di controllo della processionaria basata sull’iniezione nel tronco della pianta di uno specifico prodotto fitosanitario con proprietà sistemiche. In seguito, questa sostanza si diffonde fino alla chioma attraverso il sistema vascolare della pianta stessa, ottenendo un’azione più efficace sia nei confronti della processionaria sia verso altri parassiti fitofagi.

Questa soluzione rispetta le persone, gli animali e gli insetti impollinatori, in quanto non si ha dispersione di insetticidi nell’ambiente.

Invito tutti i privati che riscontrino la presenza della processionaria nelle loro proprietà e gli amministratori condominiali che abbiano in gestione aree verdi private, ad eseguire gli interventi indicati con le apposite cautele e ad adottare tutte le misure necessarie per contrastare la migrazione delle larve così come previsto nell’apposita Ordinanza Sindacale n. 2/2019.

Ricordo altresì che saranno eseguiti da parte del corpo della Polizia Locale approfonditi controlli e i trasgressori verranno multati con una sanzione amministrativa fino a 600 euro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *