Spezia “pirata” ora attendiamo la Roma

L’inno dello Spezia dice “era  un covo di pirati e noi siamo i loro figli”.
Vero. Spezia ha proprio “piratato” l’Udinese, sconfiggendo i nostri alla prima partita interna.
Quando si dice buona la prima… mala la prima .
Ora la seconda, ora la Roma, anticipo del sabato in notturna . Appuntamento dunque al 3 ottobre per la rivincita col destino.
L’Udinese ha dimostrato delle fragilità in attacco e in termini di organizzazione del lavoro di rifornimento ma non ha giocato poi malissimo, la sconfitta è maturata per una rete nel primo tempo e il raddoppio a tempo scaduto quando tutto era oramai finito o quasi e la compagine bianconera era riversata in attacco per un pareggio che forse…guarda che bestemmia diciamo…non era nemmeno immeritato.
Comunque va cosi, la casellina dello zero rimane e ora sotto i giallorossi.
Imperativo:bisogna fare punti. Cosi sia.
Vito Sutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *